Mondo Barbecue

Weber Barbecue a pellet SmokeFire: benvenuti in una nuova era

Fino a questo momento sono esistiti 2/3 modi per grigliare i nostri piatti. Carbone, Gas ed elettrico. Con gli estimatori del gas e del carbone da sempre in contrapposizione. Weber decide di entrare a gamba tesa in questa disputa inserendo una fantastica variabile.

La nuova gamma SmokeFire si presenta con una caratteristica fondamentale… utilizza il pellet per alimentarsi. Si, avete capito bene, il pellet. Non ci troviamo di fronte una stufa per il riscaldamento ma parliamo di un vero e proprio barbecue! Nello specifico vi stiamo presentando un all-in-one con temperature di esercizio comprese tra 95°-315°. Capirete bene che con queste temperature ci sarà solo l’imbarazzo della scelta sulle pietanze da cucinare. Bistecche, punte di petto, costine, salsicce, pollo e perfino torte non saranno un problema.

Ci teniamo a specificare che quando parliamo di cuocere intendiamo anche affumicare ovviamente. Altra caratteristica fondamentale è il doppio ripiano di cottura, un elemento che porta la superficie di cottura a circa 6370 cm quadrati. Il cuore di questo SmokeFire è rappresentato da un motore elettrico che distribuisce il pellet e impedisce alla coclea di bloccarsi. Finitura in acciaio smaltato, griglie di cottura in acciaio inox e cassetto di raccolta per cenere e grasso completano la dotazione “classica”. Passiamo ora a qualcosa di più “attuale”.

Questo nuovo barbecue è dotato di un sistema di notifiche chiamato SMART GRILLING WEBER CONNECT. Come potrete facilmente intuire dal nome, questo sistema si connette con il vostro smartphone inviandovi una notifica quando la carne, o la pietanza che state cucinando, è arrivata a temperatura. Ovviamente questo è possibile grazie a un termometro specifico a quattro sonde già incluso nel barbecue. Altra “chicca” tecnologica è rappresentata dal display LCD che ci consente di visualizzare una serie di informazioni molto utili per la cottura.

A vederlo così, e leggendo le caratteristiche tecniche, sembrerebbe veramente un vero e proprio apripista per una nuova generazione di barbecue. Noi, a titolo puramente personale, lo vediamo più come un perfetto mix tra innovazione e tradizione. Un binomio che ha sempre portato a ottimi risultati. Sarà così anche questa volta?

Non ci resta che scaldare la griglia e testarlo sul campo.